Il libro di Irene Tinagli è una analisi attenta ed accurata (non priva di ironia) che attraversa la storia d’Italia attraverso l’inadeguatezza della sua classe politica. Pagine di storia tragicamente vera che pongono l’accento su la presa di potere dell’ignoranza. L’esperienza accademica crea di questo lavoro una piccola gemma del lavoro di ricerca, l’ascesa dell’incompetenza e del qualunquismo sono spiegate con una approfondita analisi del dato. 12 capitoli scorrevoli ricchi di aneddoti e storia, non sono certo portatori di ottimismo ma bensì di riflessione. Leggendolo scopriamo il perché tecnici, elite, esperti siano parole “invise” alla classe dirigente tanto nella storia quanto ai giorni nostri.