Si terrà il prossimo 30 luglio a Mercogliano in provincia di Avellino, l’Irpinia Pride, dove sono attese secondo le stime degli organizzatori, circa 2mila persone.

“In un’atmosfera ancora intrisa di odio, guerra, distruzione e discriminazione il cammino dei diritti è, purtroppo, ancora lungo e tortuoso. Dopo gli eventi drammatici degli ultimi mesi che hanno toccato gli animi di ognuno, noi ci siamo e riprendiamo il cammino verso una Rivoluzione di Pace! Siamo pronti a manifestare di nuovo attraverso un’onda di orgoglio, l’onda dell’Irpinia Pride, che sarà all’insegna dell’unione, della riflessione e del divertimento.
L’Irpinia Pride 2022 è rappresentato dall’abbraccio di due soldati, obbligati a lottare uno contro l’altro ma che in realtà vorrebbero solo viversi liberamente. Un’immagine potente, intensa che ci riporta all’attualità dei nostri giorni, dei conflitti ancora accesi e dei diritti ancora negati!
All’inizio degli anni ’40 il giovane Gilbert Bradley fu coinvolto nel conflitto mondiale, nel giro di pochi mesi si ritrovò a doversi arruolare, Gilbert era un ragazzo innamorato di G. a cui durante la guerra indirizzò le sue tante lettere d’amore. Dopo 70 anni, alla morte del signor Bradley, molte di quelle lettere sono state ritrovate e si è scoperto che la G. stava per Gordon. Gilbert era innamorato di un uomo. A quei tempi non soltanto l’omosessualità era illegale e nell’esercito chi veniva scoperto essere omosessuale veniva giustiziato.
“…Non posso immaginare quale sarebbe la reazione di tua madre e di tuo padre… Il resto del mondo non concepisce il nostro amore, non sanno che è amore…”. “…Non sarebbe stupendo se le nostre lettere potessero essere pubblicate in futuro, in un’epoca più illuminata? Allora tutto il mondo potrà vedere quanto ci amiamo”.
Oggi quelle lettere sono state acquistate dal museo di Oswestry ma il mondo non è ancora così illuminato come lo sperava Gilbert, per questo è necessario continuare il cammino, vi invitiamo a farlo al nostro fianco!
Dovremmo avere paura di chi imbraccia armi non di chi si ama!

Vi aspettiamo”
Cosi riporta l’associazione Apple Pie: l’amore merita LGBT+ coordinatrice dell’evento.