Search

Sanremo, la storica rivolta gay diventa film

Era il 5 aprile 1972 quanto circa 40 tra uomini e donne si presentarono davanti al Casinò di Sanremo, sede del Congresso internazionale di sessuologia con cartelli tra cui “Psichiatri, siamo venuti a curarvi” e gridando slogan. Fu il teatro della prima manifestazione pubblica contro l’omofobia in Italia, oggi considerata l’evento da cui nacque il movimento di liberazione omosessuale nel nostro Paese.

Insomma, fu «la Stonewall italiana», come diversi osservatori l’hanno definita. I contestatori presenti erano assolutamente consci del fatto che si stava compiendo un gesto storico. Per la prima l’omosessualità lottava a viso aperto, dopo aver chiamato a raccolta militanti da tutta Europa. La rabbia era molta. Per boicottare il convegno si usarono anche alcune fialette di gas derattizzante, molto puzzolenti, costringendo a chiudere il congresso un giorno prima di quanto programmato.

La troupe de “Gli Anni Amari”, del regista Andrea Adriatico, farà tappa a Sanremo per le riprese del film ispirato alla storia, iniziate in questi giorni a Milano. Prodotto da L’Altra Cinemare con Rai Cinema, in collaborazione con Pavarotti International 23 srl, Emilia-Romagna Film Commission e Apulia Film Commission, con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale Cinema, ripercorre la vita e i luoghi di Mario Mieli, intellettuale, attivista, scrittore e artista di grande rilievo nell’Italia degli anni Settanta, tra i fondatori del movimento omosessuale nostrano, morto suicida a Milano nel 1983 a soli 30 anni.

Related posts

Lascia un tuo commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: