Il giorno 31 marzo 2021 con grande entusiasmo ho preso parte alla sperimentazione del vaccino ReiThera, pensando con tanto orgoglio di affidarmi allo stato italiano e alla medicina. Mi sono sperimentato insieme ad altre 900 persone in Italia e l’ho fatto per il bene comune.

Siamo stati coraggiosi, speranzosi. Ci siamo dati per il bene comune e personalmente ho accettato con la speranza di riprendere una vita quasi normale, perché avendo 26 anni, non avrei avuto la possibilità di vaccinarmi prima dell’estate. Ad oggi una persona vaccinata con ReiThera rientra nella categoria dei novax, non c’è la possibilità al momento di ottenere un greenpass, dunque ci viene privata la libertà nonostante siamo stati i primi a vaccinarsi, ignari anche degli effetti collaterali. Ci siamo affidati alla medicina italiana e allo stato italiano.

Come è possibile tanta leggerezza? Come si può lasciare in sospeso la vita di 900 persone che hanno dato fiducia allo stato italiano? Vi prego di condividere. Chiediamo la possibilità di aver accesso al green pass per i vaccinati ReiThera.

NON POSSIAMO ACCEDERE A UN ALTRO TIPO DI VACCINO Chiediamo di essere riconosciuti!

Google search engine