Umberto Tofoni: l’arte come moda

0
495

D: In che anno hai ideato il primo papillon in vetro al mondo?

R: È nato nel Marzo del 2014, un’idea che è nata per gioco, avevo 24 anni, un ragazzo come tanti, che ama il mare, lo sport, il buon cibo, ma in qualche modo volevo essere conosciuto per qualcosa di diverso di unico.
Ero nel mio laboratorio, la Vetreria Di mio nonno e mio padre e mentre si stava intagliando uno specchio, la forma è quella di un uomo, ho pensato: “qui gli manca un farfallino” e un po’ per gioco, un po’ per arte, da un pezzo di vetro, scarto di una precedente lavorazione, dalle mie mani si materializza un papillon…. da qui nasce il mio sogno, è da qui nasce la mia firma di Un Artigiano Sognatore.

D: Perché Poculum?

R: Poculum in latino significa “lavorazione in vetro”, più rivolta verso i bicchieri ma il nome mi piaceva molto e avendo pochissimo tempo per la realizzazione del marchio ho deciso insieme ai miei amici e alla mia ragazza che sarebbe stato perfetto per iniziare questo percorso.

D: Quanto impieghi a realizzare un singolo pezzo tecnicamente?

R: All’inizio ci mettevo tantissimo perché era una cosa nuova e no era facile raggiungere subito le perfezione del dettaglio, ora ci metto circa 15 minuti escluso però la progettazione del disegno.

D: A cosa ti ispiri quando crei un Poculum, a mente libera senza commissione?

R: Ma in realtà ogni volta che creo un Poculum ad esempio personalizzato su richiesta del cliente, cerco di concentrarmi al meglio perché esigo sempre di raggiungere un risultato eccellente. Capita a volte però che mentre sono nel mio laboratorio mi si accende la classica lampadina delle idee e corro a creare.. di solito quando è così escono dei capolavori assoluti!

D: Dove vendi il tuo marchio?

R: Poculum lo vendo in tutto il mondo, abbiamo uno shop online e dei rivenditori autorizzati, per un periodo mi sono molto concentrato nella vendita in Canada e negli USA ho viaggiato anche parecchio in America e non vedo l’ora di tornarci.
Quello che mi preme dire è che sono molto felice che L’Italia è il paese in cui Poculum viene venduto di più c’è molta passione per l’artigianalita e per la qualità del pezzo unico.

D: Che cos’è per te la bellezza?

R: La bellezza.. bella domanda!
È difficile definire la bellezza, potrei ispirarmi a molti filosofi scrittori ma penso che nel mio caso l’effetto “wouuu” sia determinante nel mio concetto di bellezza, soprattutto in quello che creo ogni giorno, quello che vedo, quello che provo è quello che provano le persone che mi seguono nel mio incredibile viaggio di Un Artigiano Sognatore.
Per me una persona che esordisce con “wouu” difronte ad un’opera, ad un luogo, ad un soggetto è stato già in qualche modo catturato dalla sua bellezza quindi per me è fondamentale il primo impatto nel concetto di bellezza.

D: “Un Artigiano Sognatore” la tua firma perché?

R: Mi firmo così perché secondo me gli artigiani stanno perdendo quella voglia che c’era un tempo di creare, oggi non è facile vivere di artigianato, ma con quello che hai, realizza un oggetto, fallo a mano e sogna. Io avevo un pezzo di vetro, sono riuscito a farmi conoscere in Italia e nel mondo, questo è essere artigiani. Voglio trasmettere il messaggio di sognare sempre e in grande.

D: Cos’è un pezzo di vetro per te?

R: L’effetto che il vetro ha sulle persone, la storia della sua scoperta,
Il vetro è ineguagliabile ha sempre quell’effetto di stupore, quando vedi una scala in vetro o una particolare vetrata, la luce che lo attraversa, la trasparenza, la leggerezza ti lasciano sempre a bocca aperta…
ed è questo che cerco di mettere con tanta passione nei miei Poculum e nei futuri oggetti in vetro che creerò col marchio Poculum.

D: Una domanda che in tanti ti faranno è se sei innamorato, a noi lo dici?

R: Certo! Si sono innamorato da tempo ed è una cosa molto bella ma che va coltivata con attenzione, la vita da innamorati va vissuta con semplicità, rispetto e senza troppe pressioni. Non dobbiamo mai abbandona il nostro io, la persona che siamo!

D: Un film che ti rappresenta o una canzone?

R: Di Film non saprei c’è me sono molti a cui mi ispiro invece sicuramente una canzone che mi rappresenta è “A HEAD FULL of DREAMS” dei Coldplay
Il mio gruppo preferito, tra l’altro ho anche tatuato questa scritta dietro il mio collo, sono stato a due concerti. Nizza e Parigi e sono stati dei momenti incredibili, la loro musica mi fa sognare e mi accompagna nei momenti gioiosi e tristi, sono speciali e penso siano attualmente la band numero uno al mondo.

D: Il futuro di Poculum infine come lo vedi?

R: Per ora posso dire che ho preso in mano tutta la vetreria, e voglio che il marchio Poculum sia conosciuto nel mondo non solo per il primo papillon, deve essere il marchio di un progetto e un design di moda e d’arredo nuovo, creativo e innovativo, con la realizzazione di nuovi complementi d’arredo, ma anche di scale in vetro, vetrate a altro ancora, non sarà facile ma è la mia sfida, per dare una continuità alla Vetreria Tofoni, un’attività di famiglia che deve continuare nel rispetto del lavoro di Umberto e Paride.
Sono uscito da poco con una collezione di bicchieri che non mi aspettavo avesse così tanto successo, questo significa che stiamo facendo un ottimo lavoro, sono orgoglioso del mio viaggio.

D: Un ringraziamento che vorresti fare ad una o più persone in particolare?

R: La persona che devo ringraziare più di tutti e a cui voglio un mondo di bene è sicuramente il mio amico e anche socio Pierpaolo Lattanzi ( Dottore commercialista di Porto Sant’Elpidio, senza di lui probabilmente Poculum non si sarebbe conosciuto così tanto, la sua professionalità e esperienza mi sta aiutando molto nel mio viaggio, e la sua presenza al mio fianco è veramente importante per me che sono il creativo.

D: Dove ti possiamo trovare sui social?

R: Su Facebook Poculum ha una sua pagina ufficiale facile da trovare, poi ho anche una mia pagina ufficiale unartigianosognatore sia su Facebook che Instagram (un_artigiano_sognatore)

Il sito per lo shop è www.poculum.com