Il Pride compie 51 anni, la sua è una torta colorata sulle cui candeline non si deve mai smettere di soffiare.

Questo del 2020 è un “Pride Month”, caratterizzato da feste digitali poiché sappiamo bene che le classiche marce legate al Pride non si possono tenere, per evitare assembramenti e nuovi focolai di Covid-19.

L’appuntamento clou è per il 27 giugno, quando sul web, in streaming, ci sarà il Global Pride 2020. Motto di quest’anno: Exist. Persist. Resist. Partecipare è necessario anche se sei etero, perché il Praide è inclusivo! Si, perché esso contempla tutte le diversità e non solo quelle relative all’identità e all’orientamento sessuale ma anche i temi dell’immigrazione, della disabilità, dell’etnicità, ed è solidale nei confronti di chi ha più bisogno, nel sostegno e all’affermazione dei diritti di altre minoranze.

Tanti sono gli artisti e stilisti che come ogni anno, con i proventi delle loro collezioni speciali, limited edition o donazioni di un certo spessore vanno a sostenere la comunità LGBTQ+.

Giusto per citare qualcuno: la donazione da 25 mila dollari da parte di Dr. Martens all’organizzazione The Trevor Project, che lavora per prevenire i suicidi tra i giovani componenti della comunità omosessuale; ed Etro che devolve il 20% dei profitti della sua Pegaso Bag in edizione speciale a Casa Arcobaleno, il primo rifugio milanese dedicato alle persone discriminate dalle loro famiglie per via dell’orientamento sessuale.

E poi i tantissimi sostegni delle marche più importanti di moda, che vanno da Versace a Calvin Klein, con le loro colorate capsule collection, alla t-shirt di Victoria Beckham con scritto addosso il nome di un album ormai trentennale di George Michael, quale promemoria per celebrare l’amore e l’uguaglianza sopra ogni altra cosa.
Uniti in questo flusso mondiale più inclusivo e trasversale che esista, possiamo parteciparvi tutti contribuendo alla causa, acquistando ed indossando capi e accessori con il rainbow dell’orgoglio.

Ci tengo a ricordare in particolare la collettiva, una sorta di Onda Pride, che sarà visibile dal 20 giugno al 20 settembre all’interno di ARTSPACE, spazio che la galleria online FMB Art Gallery dedica agli eventi speciali. Il mondo LGBTQ viene raccontato da 19 artisti in “Pride by your side”.

Orgogliosa “di camminare a testa alta perchè la bellezza sta nella diversità che ognuno di noi esprime nelle parole, nello sguardo. Orgoglio di essere liberi semplicemente amando”.