Gabriele Corni, “Lo specchio dell’anima”

0
22

Per gli amanti della fotografia torna nella terza edizione di ERO-TIC la sezione ERO-CLICK. in questa sezione dedicata al mezzo fotografico, una vera e propria personale all’interno della cornice collettiva: il nuovo progetto di Gabriele Corni “Lo specchio dell’Ego” a cura di Claudio Composti.

Dal testo critico del curatore:

“Il primo selfie della storia risale al 1909 scattato dal fotografo Joseph Byron mentre tiene una grossa fotocamera con le due mani. Gesto fondamentale il tenere la fotocamera a distanza con il braccio (proprio o artificiale) proteso “fuori da sé”, discriminante per definire una fotografia come “selfie”. Altrimenti, si parla di autoritratto o riflessogramma (autoscatto davanti ad uno specchio). Ma cosa spinge a condividere pubblicamente la propria immagine sui social? Persone estranee diventano il pubblico voyeurista che nutre l’Ego. Il mosso fotografico creato da Gabriele Corni nelle immagini prese da veri profili instagram vanifica l’effetto esibizionista e innesca un cortocircuito, necessario per intra-vedere una persona dietro quella posa, in cui la seduzione diventa un’arma per definirsi. E trova nel desiderio altrui quella forma di accettazione che invece sfugge a chi si mostra così ossessivamente. Lo schermo diventa un palco, in un gioco di specchi che nascondono l’IO profondo dietro pose erotiche, sensuali, messi al “meglio” per vendere di sè una immagine appunto, nel senso etimologico di imago, fantasma, quindi non reale. Da Scrutare. Cercare. Alimentare, attraverso proprio lo sguardo altrui. Voler essere presenti sul web è una dinamica sociale che nasconde un bisogno molto profondo, comune a ogni essere umano: essere visto, amato e considerato. Bisogna tornare a curare le ferite dell’anima che abbiamo subito, per riuscire a rifletterci davvero, per come siamo.”

ERO-TIC 3 è l’evento espositivo che ruota intorno all’intrigante e difficile sfida di rappresentare il sentimento dell’amore e l’irresistibile impulso della passione, nato da un’idea di Alberto Cassano e in programma a Bologna dal 24 al 26 Gennaio in concomitanza con Arte Fiera nella splendida sede di Palazzo Isolani, in Via Santo Stefano 16.