Vicinato in rivolta: il Partito Gay qui non può stare

Questo in sintesi quanto richiesto dall’amministratore del condominio di Via Vignone 20, sede dell’associazione Diritti e Libertà che accoglie il Partito a Torino. Un simbolo che dà fastidio, neanche si fossero macchiati del reato di apologia di fascismo…

Solidarietà da parte di tutta la redazione di OrlandoMagazine.it a Davide Betti Balducci, portavoce del “Partito Gay per i diritti LGBT+ Piemonte”, che ovviamente non cederà a questa sorta di intimidazione.

Il Partito Gay per i diritti LGBT+, Solidale, Ambientalista, Liberale, ha una sua realtà a Torino e si presenterà alle elezioni, che piaccia o meno a coloro che si infastidiscono per un arcobaleno.