Dal 2020, in seguito ad un importante accordo tra il carcere di Capanne (Perugia) e il grande imprenditore-filosofo del cachemire 60 detenute e detenuti impareranno tramite questo importante progetto sociale la professionalità per poter lavorare nell’industria tessile; questo anche grazie all’assoluta e fattiva disponibilità della dirigente Bernardina Dimario. Spiega il progetto Carolina Cucinelli, figlia del Re del cachemire

Siamo molto orgogliosi di poter dar vita ad un progetto così ambizioso e concreto che da un’autentica opportunità di formazione professionale da spendere per il reinserimento sociale dei detenuti. Questa iniziativa ha una ricaduta importante per il territorio umbro che da sempre ha in Brunello il massimo esponente nel settore dei filati di qualità.