Karine Jean-Pierre sarà la nuova portavoce della Casa Bianca.
Subentrerà a Jen Psaki, di cui attualmente è vice, la quale lascerà l'incarico il prossimo 13 maggio.

"Sarà la prima donna nera e apertamente LGBTQ+ a ricoprire questo ruolo. Farà sognare in grande su ciò che è veramente possibile", ha commentato Jen Psaki in un tweet.

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha lodato "l'esperienza, il talento e l'integrità" di Karine Jean-Pierre. "Sarà una voce forte che parlerà per me e questa amministrazione", ha detto l'inquilino della Casa Bianca.

Karine Jean-Pierre, che il 13 agosto compirà 45 anni, è nata in Martinica ed è cresciuta a New York, dove si è laureata alla Columbia University. Ha un lungo curriculum di incarichi pubblici e governativi. E' entrata nel team di Biden più di un anno fa – prima delle elezioni di novembre 2020 – come assistente principale del vicepresidente Kamala Harris, allora semplice candidata.
In precedenza aveva lavorato alla Casa Bianca sotto l'ex presidente Obama e nelle campagne per le elezioni presidenziali del 2008 e del 2012.

Karine Jean-Pierre, che non nasconde la propria dichiarata omosessualità, diventa portavoce mentre la Casa Bianca affronterà una dura battaglia per aiutare i Democratici (il partito a cui appartiene Biden) a mantenere il controllo del Congresso nelle elezioni di mid-term del prossimo autunno.