Cronaca del seminario di Diritto LGBTQ+ presso l’Università di Torino

Si è svolto lunedì, 22 febbraio, il primo incontro del “Seminario di Diritto LGBTQ+”, organizzato dall’Università di Torino, Dipartimento di Giurisprudenza. I lavori sono stati aperti dal Rettore, Stefano Geuna, e dagli organizzatori, Prof. Marco Pelissero e Dott. Antonio Vercellone.

Molto interessante l’excursus storico sull’evoluzione e sugli sviluppi del tema e del pensiero nel corso dei secoli.

In una città come Torino, che quest’anno ospiterà l’Assemblea Generale della European Pride Organisers Association, il seminario, rivolto agli studenti, ma aperto anche al pubblico esterno, pur senza interlocuzione e partecipazione diretta, è simbolo della grande attenzione che l’Ateneo, unitamente alla Città, riserva alla tutela dei Diritti Umani e delle Libertà fondamentali dell’individuo, in quanto essere umano. A prescindere da sesso e genere.

L’iniziativa del seminario su temi di grande attualità costituisce espressione della necessità di diffondere, attraverso la conoscenza e l’approfondimento una cultura dell’inclusione, nella consapevolezza che la regolamentazione e la disciplina giuridica di situazioni esistenti siano passaggi fondamentali, per traguardare verso il futuro una società accogliente e non discriminatoria. Nella quale le differenze vengano valorizzate e siano fonte di ricchezza. Anche per la piena attuazione dei nostri principi costituzionali e sovranazionali, di cui alla Convenzione Europea dei Diritti Umani (CEDU).

Aspetti quali omogenitorialità, rettificazione di sesso, trattamento carcerario delle persone transessuali, sono alcuni degli argomenti che verranno approfonditi nelle prossime lezioni, che si terranno su piattaforma Webex ogni lunedì dalle 16 alle 18, fino al 10 maggio.

Accesso libero dal sito dell’università di Torino, https://www.giurisprudenza.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=ej85