Divine Queer Film Festival 2020 (Torino)

0
820

L’Associazione culturale Taksim, Streeen.org e Via Baltea 3 annunciano con gioia al V edizione del Divine Queer Film Festival, dedicata ad Alda Merini.

La rassegna di quest’anno prevede una nuova forma: oltre alle proiezioni dal vivo nella storica sede di Via Baltea 3, si potrà assistere ad alcune proiezioni online e gratuite grazie alla collaborazione con Streeen, la piattaforma cinematografica virtuale, per spostare l’esperienza del Festival oltre ogni confine geografico.

Dal 18 al 23 settembre saranno disponibili 14 film sul sito www.streeen.org. Il pubblico potrà votare online i film preferiti, che verranno premiati durante gli appuntamenti dal vivo.

Il 25 e 26 settembre, dalle 19.00 in Via Baltea 3, la rassegna torna dal vivo con due proiezioni: venerdì 25 settembre si potrà assistere a Più della poesia: due momenti della vita di Alda Merini, un film di Paolo Taggi del 2005 dove la poetessa dei navigli si racconta in due momenti della propria “vita più bella della poesia”, come lei stessa commentò; a seguire, alle 21.00, verrà proiettato Port Authority di Danielle Lessovitz, un film statunitense del 2019 che narra la storia di Paul, adolescente appena arrivato a New York che si innamora di Wye, donna transgender, con la quale intraprende un percorso di scoperta e accettazione che lo porterà a trascendere le norme binarie del genere e ad aprirsi verso nuove realtà. Sabato 26 settembre saranno premiati e proiettati i vincitori della V edizione del Divine Queer Film Festival e, a seguire, si potrà assistere alla proiezione di Indianara, un film di Aude Chevalier-Beaumel e Marcelo Barbosa del 2019 che
rivive la storia dell’omonima rivoluzionaria, fondatrice di Casa Nem, centro di accoglienza per persone transgender a Rio de Janeiro.

Per entrambe le serate, l’affaccio su strada di Via Baltea sarà chiuso al traffico e le proiezioni svolte all’aperto, per consentire un accesso più ampio al pubblico preservando le distanze richieste dal protocollo di contenimento della diffusione del COVID-19.

Qui il link al programma sul sito.