Andrea Adriatico porta sullo schermo la vita di Mario Mieli

0
100

Esce in questi giorni, in diverse sale d’Italia, il film sulla vita di Mario Mieli, fondatore del movimento omosessuale italiano. Nato nel 1952 a Milano dove morì suicida nel 1983. Il regista Andrea Adriatico ripercorre la vita di Mieli sotto diverse forme che non sono solo quelle dell’intellettuale e scrittore ma evidenziando soprattutto l’aspetto del pensatore rivoluzionario.

La pellicola racconta la sua vita, dall’adolescenza di ragazzo della Milano bene a tutto il periodo della sua permanenza a Londra, dove entra in contatto in maniera per lui assolutamente essenziale per la sua formazione con l’attivismo del “Gay Revolution Front”. Il ritorno in patria, l’adesione al F.U.O.R.I. nonché la fondazione dei “Collettivi Omosessuali Milanesi” fino alla comparsa dei primi sintomi neuro depressivi. Il film, ovviamente tocca anche altre personalità di quegli anni, come Corrado Levi, Ivan Cattaneo, Angelo Pezzana, Fernanda Pivano e la sua difficile storia d’amore con lo scrittore Umberto Pasti.

Nel film, si segnalano la buona interpretazione di Nicola Di Benedetto nella parte di Mario Mieli, ma interessanti sono anche le interpretazioni di Lorenzo Balducci, Sandra Ceccarelli, Davide Merlini e Patrizia Bernardi.