Eutanasia: tre italiani su quattro sono favorevoli

0
2232

#EutanaSiaLegale Sono anni che faccio notare come la parola eutanasia sia stata sdoganata, mentre la parola suicidio faccia ancora paura.

In realtà il suicidio assistito è solo una forma di eutanasia, nella quale è la persona stessa che compie il gesto di somministrarsi il farmaco letale.

La definizione più corretta dovrebbe essere “morte volontaria assistita”, ma la parola Eutanasia sintetizza bene il concetto di “decidere per se stessi” sulla fine della vita.

In Italia il suicidio assistito è diventato lo strumento principe per la legalizzazione dell’eutanasia grazie alle possibilità offerte dalla legislazione in Svizzera e dalla generosità di alcune associazioni svizzere.

Sono centinaia i cittadini italiani che hanno potuto usufruire di questa forma di eutanasia in Svizzera con la solidarietà di associazioni come EXIT-Italia e Associazione Luca Coscioni.

Davide Trentini non è l’ultimo, altri sono stati costretti ad andare a morire in Svizzera dopo di lui ed altri continueranno a farlo fino a quando proseguirà il vigliacco silenzio del Parlamento sulla proposta di legge di iniziativa popolare depositata sette anni fa’.

La legge 219/17 su testamento biologico e sedazione palliativa profonda (terminale) è stata un passo avanti, ma rimane una incompiuta senza la legalizzazione della eutanasia volontaria.