Mole Urbana: il quadriciclo 100% elettrico che si noleggia

0
206

Arriva entro l’anno Mole Urbana, il quadriciclo elettrico. Il nuovo veicolo green, 100% made in Italy, è progettato per le città. Non sarà in vendita, ma si potrà solo noleggiare. Si può iniziare a guidare già da 14 anni.

Il progetto del designer Umberto Palermo, che ha disegnato il quadriciclo, è a buon punto e, quando l’emergenza Covid-19 sarà finita, inizierà la produzione. Sono già pronti i primi prototipi e gli obiettivi sono stati delineati: produrre 50 pezzi entro quest’anno, altri 150 nel 2021, per arrivare a 200 nel 2022 e a 300 nel 2023. La stima di crescita del mercato dei quadricicli è del 30% per il 2030: Mole Urbana punta a raggiungere il 2% circa in tre anni e il 6% in sei anni.

La baby city car Mole Urbana sarà prodotta ed elettrificata in Toscana, dalla Pretto, azienda di Pontedera, che lavora già per Piaggio, per la cinese Dongfeng e per la giapponese Isuzu. Secondo Alessandro Pretto presidente dell’azienda: “L’innovazione di nuovi sistemi elettrificati ci pongono come obiettivo quello di soddisfare le sempre più numerose richieste di veicoli elettrici.”
Umberto Palermo ha coinvolto anche altre aziende torinesi: l’approvvigionamento dell’alluminio alla Ett1, la distribuzione e il noleggio saranno affidati alla Movim, azienda leader nel noleggio a lungo termine.

“Sempre di più il concetto di possesso individuale viene affiancato ed in alcuni ambiti sostituito da formule innovative di noleggio, che possano soddisfare i bisogni dell’utente.” Dice Antonino Mogavero, AD di Movim.

Orientare i progetti in virtù dei cambiamenti sociali è un dovere per coloro che hanno fatto della creatività una professione. Osserva Umberto Palermo: “Ripartiremo da una prospettiva diversa rispetto a quella di poche settimane fa. Allo sviluppo di one off Mole Costruzione Artigianale rivolte al sogno di pochi, affiancheremo ora l’ingegno per realizzare un mezzo utile a molti. L’obiettivo di Mole Urbana – racconta Palermo – è quello di approfittare della crescita della richiesta di quadricicli posizionandosi come brand cool, in modo da crearsi una nicchia di mercato che può, con il tempo, crescere, diventando un riferimento per stile e flessibilità.

Non ho voluto disegnare un’automobile in miniatura, ma un sistema che si possa integrare alla città, che si plasma di nuove esigenze. Voglio definire Mole Urbana uno ‘sposta persone’ integrato al mondo dei trasporti, da quelli pubblici al car sharing”.

“Mostreremo i prototipi al Milano-Monza Open Air Motor Show, che al momento è confermato in attesa di vedere come si evolverà la situazione. Faremo guidare i prototipi e organizzeremo una conferenza stampa, con l’auspicio che questo luogo all’aperto, festoso, ci restituisca la gioia di stare insieme”, dice Palermo.

Il mercato del quadriciclo è cresciuto molto negli anni scorsi e ha raggiunto quattro anni fa quota 9.000 pezzi (non elettrici). Poi c’è stato un crollo delle vendite, ma grazie all’elettrificazione ora il segmento ha ripreso la sua corsa.

Nel primo semestre del 2019 in Europa la crescita delle vendite di veicoli elettrici è stata del 70% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente: 35.810 a fronte dei 21.062 del 2018. Si tratta prevalentemente di scooter e ciclomotori (28.577), mentre 5.812 sono moto e 1.500 i quadricicli. Per ora il quadriciclo è quindi un prodotto di nicchia, ma la stima è di una crescita del 30% l’anno.
Tra i grandi gruppi che hanno scommesso su questa categoria c’è Citroen che ha lanciato da poco il quadriciclo elettrico Ami, presentato al Salone di Ginevra del 2019.
Anche Jaguar Land Rover ha presentato da poco il nuovo concept vehicle Project Vector, veicolo elettrico per la mobilità urbana.

Mole Urbana è al 100% elettrica. Le forme sono seducenti: una carrozzeria dei modelli di inizio ‘900 e forme futuristiche. E’ costruita con profili di alluminio e si ispira agli infissi dei grattacieli.
E’ un quadriciclo modulare su misura. Come per l’abbigliamento avrà taglie diverse, Small, Medium, Large: potrà avere, infatti, da uno a tre posti. Una delle versioni sarà pensata per chi non ancora maggiorenne.

Le misure sono: la SMALL è lunga 3,2 metri, larga 1,49 metri ed alta 1,4 metri. La MEDIUM ha una lunghezza di 3,4 metri, una larghezza di 1,49 metri ed un’altezza di 1,4 metri. La LARGE è invece lunga 3,7 metri per una larghezza di 1,49 metri ed un’altezza di 1,20 metri.

La vettura va da un minimo di 75 km di autonomia fino a 150 km a seconda delle batterie. La velocità si adegua alla regolamentazione dei Comuni, quindi non supera i 50 km orari.
Mole Urbana è corredata inoltre di un monopattino elettrico per occupante, che si ricarica mediante la dinamo collegata alle ruote del quadriciclo, in modo da affrontare al meglio i percorsi cittadini.

Gli interni sono modulari. Il volante è una cloche come quella di un aereo, i sedili sono alti, la plancia è fatta da alveoli di cartone pressato dove si possono riporre comodamente oggetti e borse della spesa.

Occhio anche alla sicurezza: per i quattordicenni ci sarà un’App che monitorerà come si guida che consentirà anche di avere una rata del noleggio variabile secondo la modalità di guida.

[av_gallery ids=’6440,6439,6438,6437,6436,6435,6434,6433,6432′ style=’big_thumb’ preview_size=’portfolio’ crop_big_preview_thumbnail=’avia-gallery-big-crop-thumb’ thumb_size=’thumbnail’ columns=’3′ imagelink=’lightbox’ lazyload=’avia_lazyload’ av_uid=’av-2tth4f’ custom_class=” admin_preview_bg=”]