I raggi del sole passano attraverso le tende e le discussioni dei clienti abituali del ristorante si possono già sentire al piano terra. È una mattina dell’estate del 1880. Pierre Auguste Renoir, 39 anni, affitta una piccola stanza alla Maison Fournaise, una sala da ballo alla moda sull’isola di Chatou.

Dato che il tempo è stato buono, il pittore ha in mente un solo progetto. Vuole creare una grande tela che mostri i giovani che vengono in canoa sulla Senna.
Ne uscirà uno dei suoi capolavori: “Il pranzo in barca” (titolo originale: “Le déjeuner des canotiers”)
“Impossibile andare a Parigi a causa della mia pittura”, ha scritto recentemente ad un mercante d’arte che voleva vederlo. Questo famoso Pranzo in barca diventerà in seguito una delle sue più emblematiche opere.

Renoir conosce la Senna come le sue tasche e ne sente la nostalgia, quando lascia Parigi per dieci anni. Attratto dalla natura, prende regolarmente il treno per Argenteuil o Chatou per godersi la campagna. Già nel 1869, dipinge le borghesi parigine che vengono in barca a La Grenouillère.
Amico di Claude Monet, accompagna spesso chiunque sia interessato all’acqua e ai suoi riflessi. Renoir dipinge il suo celebre ritratto ad Argenteuil nel 1873.

Questa parte del dipartimento della Senna e dell’Oise, ora Yvelines, è esattamente ciò che Renoir vuole dipingere. “Ha viaggiato molto”, spiega Anne Galloyer, curatrice del museo Fournaise di Chatou. “Più che di paesaggi, Renoir era interessato alle persone”, aggiunge.

La passione per la canoa e ai pranzi in campagna è tramontata all’inizio del XX secolo. L’albergo-ristorante della famiglia Fournaise ha chiuso ed è caduto in rovina. Solo negli anni ’80 il comune e un’associazione hanno gradualmente restaurato i locali.
“Questa è l’ultima traccia di un edificio legato agli impressionisti della Val-de-Seine”, ha detto Eric Dumoulin, sindaco di Chatou. È grazie a Renoir che la città è conosciuta in tutto il mondo.
Tornata ad essere un ristorante nel 1990, la Maison Fournaise sta per chiudere di nuovo, per un anno di lavori. Chissà che cosa ne penserebbe Renoir…

“Tutti i nostri clienti vogliono mangiare sul balcone di Renoir”, sospira Peter Ruiter, il direttore dell’hotel.
“Bisogna continuare a sorridere, quando in molti annullano quando piove o si preoccupano più di Renoir di quello che c’è sul piatto”, aggiunge il direttore. Ma va cosi…
Renoir è ovunque.

Dopo “Il pranzo in barca”, Renoir pian pianino si stancò della Maison Fournaise.
E partì per l’Italia. Influenzato dalla pittura rinascimentale, il pittore cambiò stile e si allontanò dall’impressionismo.
Pierre Auguste Renoir si stabilì, quindi, nella regione dello Champagne per un po’ di tempo e morì esattamente 100 anni fa, il 3 dicembre 1919, a Cagnes-sur-Mer.
Un secolo dopo, l’opera che tanto lo occupò durante l’estate del 1880 è un ricordo di una giornata di festa sulle rive della Senna.
Un ricordo ancora vivo.

Pierre-Auguste Renoir, Autoritratto.

(Le Parisien)