Search

Umberto Palermo, la cultura delle forme prestata al mondo dell’automotive

D: Per cosa ti premiano? R: Mi premiano per la prima edizione del premio Claudio Nobis, dedicato al noto giornalista automobilistico. Questo premio è dedicato alle giovani promesse del Car Design. D: Come vedi la continua nascita di queste scuole di Car Design? R: Non è la quantità è la qualità dell’insegnamento ovvero in queste scuole ci devono essere dei…

Continua...

Al Maze Fashion Show grande successo di B16

D: Mi piace molto il vostro logo… R: Una corona con la B (che è il mio cognome), 16 la mia data di nascita, cercando di renderlo un codice. D: Perchè? R: Essendo un brand giovanile volevo renderlo più “young”, aggressivo e commerciabile. D: Come nasce l’idea? R: Facendo vestiti per me, di mio gusto…Quando ho visto che alla gente piacevano ho…

Continua...

Nektaryus… Breathe Live Fly

D: Nektaryus, nome curioso… dove nasce? R: L’idea nasce nel 2016 da due amici, nuotatori professionisti,amanti dello sport mentre trascorrono l’estate insieme in un paesino sperduto sull’isola di Creta. Ispirati dalla bellezza della natura e dalla semplicità di un vecchio pescatore di nome Νεκτάριος che possiede l’unica taverna presente sul luogo, capiscono di voler portare con loro, in Italia, lo stile…

Continua...

Giuseppe Buccinnà: uno stilista enfant prodige

D: Ingegnere e stilista? Curioso… R: Può sembrare curioso ma volevo avere a che fare, come nell’ingegneria, alla creazione di qualcosa che passava da idea a riscontro tangibile, solamente che la moda mi ha sempre affascinato perchè trovo che nulla racconta l’evoluzione del nostro mondo meglio di essa. D: Come nasce l’amore per la moda femminile? R: Nasce dal rapporto con…

Continua...

Elisol, la ricerca della memoria

Elisol è il frutto di scelte dettate dalla memoria che mirano alla riscoperta e alla rivalutazione del lavoro manuale ove l’energia spinga l’occhio ad amare l’oggetto facendo riaffiorare ricordi di natura arcaica, cercando però una relazione con il presente, con un amore intrinseco per il passato. Il laboratorio stesso delle creazioni è un antica bottega da barbiere di Bologna fuori…

Continua...

Al Gucci Garden di Firenze la nuova collezione e la mostra “Il Maschile Androgynous Mind, Eclectic Body”

Un giardino metaforico, tra le sale medievali e arredi d’poca rivisitati, dialoga con decorazioni ispirate al mondo naturale, immagini di fauna e flora. È il Museo Gucci aperto nel 2011, rinominato Gucci Garden Galleria, quale omaggio a Firenze, città natale di Gucci. La ricercata e raffinata location di Firenze, in coincidenza con Pitti Uomo, ha presentato al pubblico una nuova…

Continua...

Intervista a Roberta Verteramo

D: Come nasce Roberta Verteramo? R: Nasco come restauratrice di arte contemporanea. Ho studiato la conservazione delle materie plastiche e del design all’estero. Rientrata in Italia sono stata definita la prima nel mio Paese ad essere specializzata nella conservazione dell’oggetto di design. Questa specialistica mi ha permesso di lavorare come responsabile della conservazione, per cinque anni, al Museo del Design…

Continua...

Anteprima Collection Summer 2019 by Cori Amenta

Parafrasando Virginia Woolf in Orlando: “le scarpe cambiano la nostra visione del mondo e la visione che il mondo ha di noi”. Eleganti creazioni di Cori Amenta, rigorosamente Made in Italy, ormai conosciute da anni nel mercato internazionale, sono indossate da donne che realmente hanno un orizzonte aperto al cambiamento. Ci presenta modelli di punta della linea di calzature di…

Continua...

Ivan Guerrera, un tripudio di creatività

D: Stilista a Torino… pro e contro. R: I pro: l’affidabilità di Torino e la sua eleganza. I contro: la scarsa visione e la sua chiusura mentale incapace di cogliere le novità. D: Artigiano e designer, ovvero? R: Ovvero creare borse di lusso in cuoio e materiali alternativi o in legno trattato e reso tessuto. A fare questo trattamento siamo solo in…

Continua...

Franco Audrito, ovvero Mister Studio65

D: Come nasce Studio65 a Torino? R: A 22 anni studiavo pittura e facevo il pittore. A un certo punto però rifiuto di farmi riconoscere come tale, era per me troppo restrittivo, il mio reale interesse era rivolto all’impegno sociale e politico. Quelli erano gli anni della contestazione e io mi buttai a capofitto in questa esperienza, che sentivo mia. Fu…

Continua...