Doppio record per l’atleta neozelandese Laurel Hubbard, pronta a gareggiare alle Olimpiadi di Tokyo. Il primo riguarda l’età: a 43 anni sarà la più anziana sollevatrice di pesi a partecipare ai Giochi. Il secondo, invece, è un traguardo storico: sarà la prima atleta transessuale nella storia delle Olimpiadi.
Parteciperà nella categoria riservata alle donne che pesano oltre gli 87 chilogrammi.
Laurel Hubbard ha cambiato sesso otto anni fa, quando aveva 35 anni. Da allora ha rispettato tutti i parametri richiesti dal CIO per gli atleti transgender. Il Comitato Olimpico Internazionale prevede, ad esempio, che chi dichiara che la propria identità di genere femminile non possa più modificarla per almeno quattro anni. Soprattutto, l’atleta deve dimostrare che il suo livello totale di testosterone è inferiore a un determinato livello per almeno 12 mesi prima della competizione. Parametri che la sollevatrice neozelandese ha pienamente rispettato.
La sua partecipazione è però accompagnata da polemiche interne alla comunità dei sollevatori. Secondo alcuni, infatti, la competizione non sarebbe equa, perché il limite massimo di testosterone richiesto è comunque superiore di almeno cinque volte rispetto a quello di una persona nata biologicamente donna.

In difesa di Laurel Hubbard ha parlato il direttore del Comitato Olimpico della Nuova Zelanda, Kereyn Smith: “Sappiamo che quello dell’identità di genere nello sport è un tema molto delicato e complesso, che richiede di trovare il giusto equilibrio tra diritti umani e equità sul campo di gioco. Ma come squadra, abbiamo una forte cultura dell’ospitalità e dell’inclusione e abbiamo rispetto per tutti”.
Da parte della diretta interessata c’è solo la felicità per il traguardo raggiunto: “Sono grata e onorata della gentilezza e del supporto dimostratomi da tanti neozelandesi. Quando mi sono rotta un braccio ai Giochi del Commonwealth, tre anni fa, mi avevano avvertita che la mia carriera sportiva avrebbe potuto essere finita. Ma l’amore delle persone che mi stanno vicino e dei miei fan mi hanno spinto a riprendermi e a continuare con lo sport che amo”, ha dichiarato Laurel Hubbard, già in partenza per Tokyo.
Le Olimpiadi prenderanno il via il prossimo 23 luglio.