D: Come nasce la creazione delle art dolls?

R: Dalla mia esigenza di regalare un sogno negli occhi di chi guarda.

D: Di che natura sono i tuoi sogni?

R: Le bambole vengono create per ricreare il mondo della moda, però sarebbe un errore pensare che ciò che faccio sia una cosa dei nostri giorni, perchè tutto ciò ha radici nel 1700 quando i couturier presentavano alla regina e alle nobildonne le loro collezioni attraverso le poupeé erano il modello per rappresentare al meglio le loro creazioni.

D: Ma tu nasci come cantante e diventi creatore di bambole?

R: Il fil è musica per etereo invece la bambola è una cosa tangibile e concreta ma la connessione è la mia visione tra le teste in resina delle mie bambole e l’interiorità della musica.

D: Le muse a cui ti ispiri?

R: Beh, Donatella Versace, innanzitutto, a cui ho dedicato anche una mia creazione; e poi le mie cantanti o attrici preferite: Alanis Morissette, Björk, Tori Amos, Eva Green, Cristina Ricci.

D: Le tue bambole sono erotiche, sensuali ed estremamente eleganti. Come si rendono così?

R: E’ una storia di sviluppo del design che parte dalla progettazione per esaltarsi e svilupparsi attraverso il mio senso estetico. Sono delle umanoidi che attraverso la loro genesi diventano delle autentiche top model.

D: Come mai sono così snodate?

R: Perchè oltre ad avere 42cm di altezza hanno ben 28 punti di snodo. La resina pura e i capelli in autentica parrucca, con i loro vestiti e maquillage, vengono realizzate da me con lo scopo di enfatizzare il carattere e le particolarità dei personaggi che raffigurano.

D: Tu sei molto conosciuto a livello internazionale… Mosca, Los Angeles, Londra, Milano e ovunque vi siano Dolls Collectibles

R: Questo successo mi ha portato ad un riconoscimento realmente gratificante, essendo stato eletto settimo nella classifica dei 100 migliori artisti al mondo dalla rivista americana e australiana Beautiful Bizarre Magazine che da sempre una delle più autorevoli riviste di arte contemporanea.

D: Progetti futuri?

R: A seguito delle prime due linee vi sarà una evoluzione corporea con molti più snodi di quelli attuali e forme sempre più sensuali che strizzano l’occhio alla bellezza asiatica.