Search

Oriente e occidente si incontrano a Pitti Uomo

Nello spazio espositivo Touch!, della Fortezza da Basso di Firenze, per l’evento del Pitti Uomo 2019, la dicotomia di mondi diversi orientale ed occidentale, il super moderno e il tradizionale, hanno trovato il trait d’union in nuove sperimentazioni materiche e creative sartoriali. Grazie, alle presenza delle collezioni dei 6 brand emergenti dal Giappone, selezionati dalla prestigiosa giuria Tokyo Fashion Award.

Un premio di moda che Tokyo ogni anno assegna a 6 marchi, al fine di promuovere la creatività giapponese a livello internazionale. A presentare le loro collezioni: Anei, Cinoh, Jieda, Nobuyuki Matsui, Postelegant, Rainmaker.

Il designer Nobuyuki Matsui, con i suoi singolari capi, ha rotto le convenzioni stravolgendo i parametri dello stile, allontanandosi dalle frenetiche regole del mercato, per giungere ad un suo percorso di ricerca, sull’abito, sui volumi, forme geometriche e tessuti.
Traspare una fervente passione per l’artigianato, la moda, l’arte, ed è proprio, giocando con il labile confine dell’arte, che questo stilista è riuscito ad emergere nel mondo della moda.

La destrutturazione delle linee, il gioco di materiali e forme sono i dati distintivi della collezione; un insolito assortimento di indumenti stravaganti, come i pantaloni con una gamba sola, i blazer tagliati, imbottiture ludiche e fine a se stesse. Capi inediti, dove i tagli classici rinascono in nuove forme grazie ad eclettiche sperimentazioni; fusione di presente e passato danno vita ad originali ed innovative volumetrie.

Related posts

Lascia un tuo commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: