Search

Moleskine, una perla nel cuore di Brera

È ancora tutto nella mia testa, nei miei pensieri che accennano un sorriso, nelle tante foto da sistemare, negli appunti annotati. La mia non è pazzia ma semplicemente nostalgia di Brera, per quella piccola via, ricca di fascino, perla dall’antico sentire bohemienne. Un piacevole concentrato di cultura, creatività ed eleganza, dove è incantevole perdersi passeggiando tra le vie acciottolate, dove di tanto in tanto s’incastrano i tacchi delle scarpe e un “caspitina” ci sta pure, ma poi ci si rianima alzando lo sguardo, ammirando i palazzi storici, testimoni immutati del tempo, quel susseguirsi di piazze dai colori caldi, che sembrano salotti, sbirciando, tra le coloratissime vetrine, gli interni dei negozietti, scovando particolari gallerie d’arte.

Suggestivo ritornare, laddove solo qualche anno fa, ero solita passare ore ed ore rapita dagli aneddoti di Gianni, un mio carissimo amico, che a Brera era vissuto quando si respirava un sogno comune, si cantava l’amore libero, l’arte libera, e pagava il sarto con un quadro senza cornice, una valutazione decisa seguendo il calore del cuore.
Ancora tutt’oggi un quartiere meraviglioso, brulicante di vita, turisti curiosi, studenti dell’Accademia e di chi sceglie una cornice bohémienne per un aperitivo o per fare shopping.

Lungo corso Garibaldi, a due passi dal cuore di Brera, vengo attratta dal Moleskine Café, ed il pensiero va immediatamente all’iconico taccuino nero Moleskine.

Da Hemingway a Chatwin, da Van Gogh a Picasso questo taccuino ha avuto testimonial d’eccezione nel mondo dell’arte e della letteratura ed stato per diversi anni anche un mio compagno di avventure, quando non mi accontentavo dell’imprimere i ricordi con le sole foto.

Moleskine Café è una reinterpretazione del café littéraire in chiave decisamente contemporanea. Una fornace di cultura e al tempo stesso una vetrina sul mondo, un testimone di intere epoche, vite, storia, arte e cultura. Tra una tazzina di caffè e un cappuccino, un tramezzino o un aperitivo, si ritrova l’aroma e lo spirito del luogo. È possibile fare colazione immersi in un’atmosfera rilassante, dal sapore contemporaneo, dove poter presenziare a mostre, workshop, eventi culturali, progetti artistici, dibattiti, seminari. Al suo interno c’è anche un negozio, con esposizione e vendita dei celebri taccuini, di accessori per la scrittura, di tazze brandizzate e caffè, nonché una libreria e lounge restaurant.

Moleskine Café, è un locale dai colori giallo bianco, che danno al locale un taglio essenziale, moderno e caldo ed una sensazione di essere a casa.

Qui è tutto uno spettacolo di tavoli che si riempiono, si vuotano, si riempiono di nuovo, un affluire incredibile soprattutto di trentenni in allegra compagnia, o singolarmente ordinano, leggono, prendono appunti, disegnano, lavorano grazie anche al Wi-Fi e alle postazioni in cui ricaricare pc o smartphone.

Il Moleskine Café riesce a propone a tutti un’esperienza veramente unica.

Related posts

Lascia un tuo commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: