Search

Aramà: un successo senza confini

D: Chi è Arama?

​R: Aramà è un vulcano in continuo movimento. Dal Brasile, all’Africa​, all’Italia.
Una pazza scatenata di buonumore e sorrisi che esprime con il corpo e con la voce la saudade e allegria del paese che più la ispira il Brasile per l’appunto.
Nasce a Bologna (nessuno ci crede) perchè di bolognese rimane a volte solo qualche s nell’accento quando parla. Artisticamente nasco con la danza, classica storia della bimba accompagnata dalla mamma alla scuola di danza. Dall’età di 13 anni in giro per l’Europa fino a 19 anni quando incominciai a cantare e a studiare canto e musica.
Poi un viaggio in Brasile e questa meravigliosa terra non mi ha più lasciata.

D: Dove nasce artisticamente?

R: A 20 anni feci un viaggio in Brasile ero stata lasciata da un ragazzo che adoravo e mi struggevo in pianti, mai stata una piagnona, così 2 amiche partivano per il Brasile e decisi di partire con loro.
Conobbi un sacco di musicisti là e da li iniziò tutto il mio percorso, tutto per casualità e opportunità, quando si suol dire veramente il destino. Il primo brano che scrissi fu Chica Boom sulla paradisiaca spiaggia di Itapoa a Salvador de Bahia.

D: E quando nasce artisticamente?

R: A 23 anni cominciai a lavorare con l’ex pianista di Mina, Tania Bellanca e portammo in scena il Musical sulla vita di Guglielmo Marconi, poi fondai una band con grandi nomi: Nelson Machado (chitarrista brasiliano che viveva a Bologna) Itaiata de Sà (percussionista di Negrita, Roy Paci, Fiorella Mannoia, componente di uno dei gruppi di percussioni più famoso del pianeta Olodum di Salvador Bahia), Vonn Washington (bassista afroamericano, Irene La Medica, Zucchero), Maurizio Degasperi grande pianista italiano, Red Rossi (batterista, Rosalia da Souza ecc)
Abbiamo girato numerosi locali, eventi da Bologna, a Roma, Milano, …
Poi ho avuto la possibilità di lavorare con Teo Ciavarella, noto jazzista (in tour con Virginia Raffaele )…

D: Parlaci del tuo rapporto col mondo LGBTQI

R: Il mio rapporto con LGBTQI è profondo e sincero. Sostengo la causa tanto che ogni anno, da 2 anni, mi presento gratuitamente al Gay Pride di Bologna. Adoro il mondo gay, i miei più’ grandi fans in Brasile e Europa fanno parte di questo mondo. come i miei più grandi amici nella vita (compresa tu) appartengono a questo mondo. Siamo arcobaleni nel cielo e abbiamo il diritto di brillare con tutte le nostre diversità che ci rendono forti e unici, cosi dice il mio brano RAINBOW che è presente nel mio disco la Verità che potete trovare su Spotify, Itunes, Deezer e ho che presentato l’anno scorso al Gay Pride di Bologna.

D: Dove ti sei sentita più accolta?

R: La nazione che mi ha più accettato sino ad ora è il Brasile dove ho potuto duettare con nomi del panorama musicale brasiliano famosissimi.
Il mio futuro sempre tra Brasile e spero sempre di più in Italia, anche se è ancora un po’ ostica, ma ce la farò! Probabilmente approderò in America e Marocco di nuovo. L’ultimo live a Casablanca è stato un successo ed ho già un pubblico fedele là.
Ivo Mozart, Walmir Borges, Banda Strobo, Dj Kalfani , Rhossi rapper del gruppo Pavilhao 9, Rincon Sapiencia.

D: Parlaci del tuo ultimo singolo

R: L’ultimo singolo uscito è Maracujà scritto in collaborazione con un grande autore e amico italiano, Alberto Despini e prodotto da Renato Galozzi con l’ausilio del mio producer italiano Sien J.
Il brano è super divertente e sta spopolando qua in Brasile. Maracuja fa una importante citazione alla meravigliosa artista brasiliana Karol Conka (che io amo profondamente) e al suo brano Lala.

Parliamo di ’empoderamento feminino’ potere femminile, Girl Power, accettazione di come siamo e cosa siamo, tutto è possibile in questa vita. Ogni donna è regina e merita rispetto e attenzione. Il brano è super sensuale, sensualizza attraverso la metafora del maracuja, frutto della passione e noto per la sua polpa succulenta, ed è stato lanciato subito dopo il carnevale proprio per esaltare questo momento di festa e di allegria e chiaro sensualità tipico del Brasile.
Con questo brano sono entrata su Mtv Brasil e presto il videoclip entrerà su Multishow, canale televisivo molto famoso. Veramente un grande traguardo, sono molto felice.
Inoltre Maracujà è stato presentato al Carnevale di Sao Paulo nel Bloco do Adorno (BLOCO LGBT) di Thiago Adorno attore e presentatore eccezionale brasiliano e nel BLOCO ME LEMBRA QUE EU VOU, di Silvanny Sivuca Rodriguez con una batteria di 90 elementi.
Ho lanciato palline gialle al pubblico che simulavano maracuja e ho aperto il carnevale. Emozione pazzesca. Migliaia di persone! Sono uscita su Globo tv e nel programma TODO SEU del celebre presentatore Ronnie Von, che è un pò come il nostro Pippo Baudo.

D: Quando uscirà l’album?

R: Il 21 di aprile ho la presentazione del mio album qua a Sao Paulo in un locale famosissimo, è un centro culturale molto rinomato che si chiama Centro Cultural Rio Verde a Vila Madalena, uno dei quartieri più vintage, artistici e trendy di Sao Paulo, sono molto felice e molto emozionata.
Poi sta arrivando in aprile il nuovo singolo – Rullo di tamburi – che si chiama Ganesha, ed è ispirato alla leggenda di Ganesha, distruttore degli ostacoli e portatore di prosperità nella filosofia induista.
Conta della collaborazione del meraviglioso rapper brasiliano Correria e il videoclip è firmato dal direttore brasiliano Jorge Dayeh, anima talentosissima. Ne vedrete delle belle ma non vi posso dire di più. Poi varie e nuove collaborazioni anche con un artista non brasiliano.
Presto esce la mia intervista su Radio Gazeta di Sao Paulo, vi terrò aggiornati.
Che vi posso dire? Credete nei vostri sogni, fatevi valere, non mollate mai,  lavorate su di voi e per voi stessi. I risultati arrivano!

Muito amor e maracujà!

Related posts

Lascia un tuo commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: