Search

Adjona Rukaj: Architetto della materia

Adjona, come nasce il tuo amore per l’arte e la tua formazione artistica?

Nasce da bambina con un amore spassionato per il disegno, nonostante a casa non mi incoraggiassero ho avuto la fortuna di incontrare un’insegnante che nel corso degli anni mi ha fatto avvicinare a questo fantastico mondo.

Perché hai scelto architettura e non l’Accademia delle belle arti?

Ero portata per il disegno ma mi appassionava l’aspetto della forma intesa come materia di carattere costruttivo in un contesto che io amavo intendere come armonia di forme.

Come nasce il passaggio tra il mondo dell’architettura e dell’arte?

Diciamo che la fascinazione dell’architettura mi porta a lasciare la bidimensionalità della pittura più formale seppur nella concezione di astrazione, verso una tridimensionalità materica che mi dava la possibilità di una più completa interazione con le forme, permettendomi un aspetto di carattere ludico creativo.

In Albania so che sei molto conosciuta, hai fatto molte mostre?

Si è vero, spero di iniziare a farne anche in Italia, al mio paese d’origine ero molto sostenuta dalle pubbliche istituzioni e dal Ministero dei Beni Culturali. Ora sto riprendendo la produzione proprio grazie a questi rinati stimoli soprattutto in Francia e con un paio di gallerie in Italia.

Spiegaci la tua tecnica e i tuoi materiali?

La tecnica che uso si chiama mixed media e consiste nell’utilizzo diversi materiali che devono possedere una naturale coesione fluendo tra loro armoniosamente. I miei preferiti sono il gesso, lo stucco, la tela di sacco, il cotone congelato, la sabbia, il polistirolo, la ceramica e molti molti altri ancora.

Ho visto le tue opere e sono rimasto incantato dalle proporzioni enormi che esaltano la dinamicità dell’opera. Spiegaci il perché di questa tua scelta artistica.

Li faccio di grandi dimensioni per un insieme di questioni tecniche, poiché visivamente sono di maggiore impatto.

So che recentemente hai suscitato l’interesse di una mercante d’arte particolarmente attiva sul mercato.

Si è vero, ma per essere pronta per impegni di quel genere e di quella portata, voglio essere sicura di avere una produzione di miei lavori più vasta, oltre al fatto che quando farò determinate scelte, vorrò sentirmi in grado di cavalcarle con successo.

Questa è la storia di una giovane promettente artista che nonostante le difficoltà ha saputo rimettersi in gioco, malgrado le sue difficili esperienze di vita, un positivo esempio da seguire per tutti.

Related posts

Lascia un tuo commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: