Search

I Fall Out Boy e l’estetica della sperimentazione sonora

I Fall Out Boy sono la rappresentazione più atipica dell’attuale panorama musicale rock. Nati come gruppo pop punk/emo-pop a Chicago nel 2001, la band ha avuto modo di mettersi in gioco parecchie volte. La formazione composta da Patrick Stump (voce e chitarra), Peter Wentz (basso e autore dei testi), Joe Trohman (chitarra principale) e Andrew Hurley (batteria) ha fatto della contaminazione tra generi uno dei suoi tratti distintivi. Già dal loro nome si intuiva che non sarebbero stati una band uguale a tante altre presenti nella scena musicale dalla quale sono partiti. Dopo essersi esibiti per due volte senza avere un nome, si sono rivolti al pubblico per cercare di rimediare alla cosa. E la risposta, originale quanto la carriera del gruppo, non si è fatta attendere. Un ragazzo presente nel pubblico ha suggerito Fallout Boy, riferimento all’aiutante dell’Uomo Radioattivo de I Simpson. E il resto è storia recente. Non è quindi difficile trovare delle differenze tra i vari album dei Fall Out Boy. I primi lavori sono nettamente diversi dal percorso artistico che li ha portati alla pubblicazione di Mania, il loro settimo album in studio. Fin da subito è possibile notare sonorità proprie di gruppi quali Muse, Imagine Dragons, gli ultimi Linking Park e di generi quali il pop-rock, EDM e Dubstep. Il loro nuovo disco è quindi un’ode a quella ricerca che porta ad una sperimentazione sonora in grado di fare da perfetto collante tra generi musicali all’apparenza così diversi l’uno dall’altro. Young And Menace, la prima traccia, è il giusto connubio tra sonorità più dance e il pop rock caratteristico della band. Si balla con la ritmata Stay Frosty Royal Milk Tea per passare alle tenui sonorità reggae presenti in Sunshine Riptide. Una lavoro figlio di una ricerca che nel complesso risulta vincente, dando continuità alla vocazione camaleontica della band alla continua ricerca di sonorità che siano in grado di mostrare l’ennesima anima dei Fall Out Boy.

Related posts

Lascia un tuo commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: