Search

Marielle Franco, ammazzata a sangue freddo a Rio de Janeiro

“nera, lesbica e attivista politica, madre a 19 anni e femminista”,
I soliti vigliacchi hanno assassinato a Rio de Janeiro ieri l’assessora e attivista politica Marielle Franco, sparandole a tradimento da un’auto in corsa.

Laureata in Sociologia, la quinta più votata nella città. Solo domenica scorsa in una conferenza aveva attratto 46.000 persone. Non ha mai pensato di andare a vivere da un’altra parte che non fosse la favela della Maré, dov’era nata, più volte presidiata da mezzi corazzati.
Poiché allo Stato e’ sfuggita di mano la situazione .

il suo impegno non e’ tuttavia bastato a salvarle le vita, il potere delle sue azioni e’ stato talmente forte da spingere i suoi aguzzini ad agire con la massima violenza possibile.

un vero e proprio attentato contro la democrazia che ci fa’ capire quale sia l’atmosfera che si respira in certe aree del centroamerica.

Un omicidio che potrebbe vedere coinvolte forze “deviate” della polizia e dei servizi che allo scopo di eliminare una scomoda presenza, che in passato aveva denunciato soprusi e violenze ai danni dei residenti delle favelas in un piano di reazioni spesso fuori controllo da parte delle forze dell’ordine.

a Roma la comunita’ brasiliana e scesa in strada a manifestare il suo dolore per la scomparsa di colei che più’ di ogni altro, in questo particolare momento storico rappresentava una speranza per il popolo delle favelas.

Related posts

Lascia un tuo commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: