Search

Fisting Anale, croce o delizia?

Accorgimenti

Pratica che richiede una certa predisposizione fisica ed in ogni caso una preparazione per poter estendere l’elasticità dei tessuti ad un punto tale da poter accogliere la mano. Sebbene la vagina e l’ano siano elastici in ogni soggetto, non tutti hanno le capacità fisiche necessarie per attuare questa pratica.
Un’attenta igiene inoltre è fondamentale, specialmente per quanto riguarda il fisting anale.
È necessario avere le unghie accuratamente limate per non lacerare neanche minimamente la mucosa. È necessario non avere tagli, abrasioni o ferite che possono facilitare la trasmissione di sangue durante l’atto. Per prevenzione si usano solitamente guanti di lattice per uso chirurgico. Prima di iniziare la pratica sarebbe buona cosa data la stimolazione forte e continua orinare , perché l’attività di fisting potrebbe solleticare la vescica fino all’involontario rilascio.

La posizione ideale è quella in cui il sub è in posizione supina con le ginocchia divaricate e le gambe tenute leggermente in alto, come la classica posizione ginecologica. Alcune persone preferiscono la classica pecorina ma se siete neofiti sarebbe meglio evitarla. Anche in questo caso comunque fate in modo che il sub sia comodo, magari ponendogli dei cuscini sotto il ventre per non costringerlo a sforzare i muscoli e favorire il rilassamento.

Dilatazione

Per preparare bene l’ano a ricevere un fisting, si può iniziare dilatandolo progressivamente con le dita, cominciando con un solo dito, roteandolo delicatamente in modo da rilassare la muscolatura per poi una volta che l’ano si è assuefatto e lo sentite pronto ad accogliere qualcosa di più grosso, inserire un secondo dito e cosi via. Il sesso anale potrebbe essere un ottimo intermedio, almeno per acquistare fiducia nel partner , inserire poi oggetti di grandezza crescente per lo step successivo.
Quindi ribadiamo che l’esercizio lento e costante è il migliore alleato per una pratica sicura.

Penetrazione

La lubrificazione artificiale è indispensabile, perciò l’utilizzo di un lubrificante intimo è d’uopo tra quelli a base acquosa , oleosa e siliconica , questi ultimi diciamo cosi di ultima generazione sono i migliori in quanto offrono meno attrito, si seccano più lentamente e durano di più. Le sensazioni al momento della penetrazione potrebbero essere ambivalenti e comunque chi pratica il Fisting deve tenere sotto controllo le reazioni del partner perché se la soglia del dolore supera quella del piacere, allora quello è il momento di fermarsi. Il partner attivo deve inserire la mano nell’ano piegando le dita e seguendo la naturale curvatura del retto, il pollice deve essere tenuto a contatto col palmo (a formare un cuneo)e man mano che avanzano nel retto le dita vanno ripiegate sul pollice fino a formare il pugno.

Pratiche

Una volta che la mano è penetrata, ci sono varie tecniche per stimolare il retto. Tra le più comuni ci sono: la torsione, la vibrazione, lo stantuffo e il mantice. Andiamo a verificarle una per una cercando quindi di “praticarle” di più. La Torsione si esegue ruotando il pugno in un moto circolare cosi che l’ano strofini contro il polso ed il retto contro il pugno. La Vibrazione si muove il pugno rapidamente ma senza muoverlo fino a farlo vibrare dentro. Lo Stantuffo consiste nel movimento dentro-fuori, simile alla penetrazione (fist-fucking). Il Mantice consiste nell’aprire e chiudere la mano dentro al retto, aumentando la sensazione di tensione muscolare e di riempimento.

Rimozione

Il momento della rimozione è assai delicato dal punto di vista di eventuali danni che una non scrupolosa fuoriuscita della mano potrebbe comportare ( lacerazione delle mucose, lacerazione e stiramento del muscolo anale, perforazione dell’intestino, incontinenza), dal punto di vista tecnico bisognerebbe intervenire esattamente all’inverso. Col pollice e l’indice dell’altra mano cingete il polso della mano da estrarre e premete delicatamente l’ano con le dita libere durante l’estrazione, per assicurarvi che lo sfintere stia al suo posto ed evitare la fuoriuscita di eventuali emorroidi, ma Attenzione non è solo questo, Ragazzi!! E’ un momento anche di gradito piacere portando sensazioni altrettanto intense quanto quelle dell’inserzione. Un ultima cosa, anche se il fisting viene eseguito in modo corretto, qualche lieve conseguenza è inevitabile da un meteorismo addominale incontrollato a una leggera dilatazione dello sfintere, ma questi “ disagi” hanno vita breve nel giro di qualche giorno rientrano.

Related posts

Lascia un tuo commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: