Search

Veganesimo, L’arte culinaria dello Chef Massimo Fontinati

Massimo Fontinati, cuoco vegano dal 1995 (ovvero all’apogeo del veganesimo…)
La sua esperienza parte dalla ex torteria holsen fino ad  approdare alle molteplici esperienze nel campo gastronomico coronando una lunga storia di attivismo legata a questa tematica.

Come vivi il veganesimo?
Non certo come una moda, un tempo pensavoa me stesso quasi come ad un diverso, ora sono uno tra tanti, complice anche il fatto che tale cucina, che e’ anche uno stile di vita, e’ sempre piu’ diffusa e non solo tra i giovani.

Qual’è il tuo approccio alla cucina vegana?
I sapori, nasconderli, esaltarli, amalgamarli, renderli vivi e misteriosi allo stesso tempo, non è facile per poterci riuscire occorre che la qualità delle materie prime sia altissima e sopratutto è necessaria la capacità di saperle amalgamare, rendendole dolcemente legate ma al contempo sufficientemente distanti per renderle comprensibili ai palati che gusteranno queste ricette.

Il tuo piatto vegano preferito?
I canederli, senza dubbio, palle di pane con ingredienti vegetali, una vera chicca per il palato che ottiene sempre gratificanti consensi.

Miagola è vegano?
Si sposa tutto perfettamente e naturalmente, è un discorso congruo e lineare grazie ad un ambiente di persone sensibili a queste tematiche .

Qual’è la filosofia vegana del bere?
Miele,vino,birra..per pastorizzarle si usano prodotti naturali, per cui ci rivolgiamo solo ad aziende coerenti alla nostra visione e che usano procedimenti garantiti.

Ed i dolci?
Lactem..in latino vuol dire liquido nutriente, per cui esso può essere di mandorla di noce, oppure di riso (che per i dolci e’ probabilmente il piu’ indicato), oltre all’uso della margarina casalinga, fatta semplicemente, senza procedimenti industriali, per cui non nociva ed assolutamente digeribile.
I dolci con questi ingredienti sono davvero perfetti.

Cosa ti piace di più del tuo lavoro??????????
La creatività senza ombra di dubbio, nel mio caso essa e’ sinonimo di reinventare o creare ex novo, il che genera spesso gran stupore e felici consensi.

Sogni ed aspirazioni?
Il prossimo anno per tre anni in giro del mondo a piedi….

Related posts

Lascia un tuo commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: