Search

INTERVISTA A EVA CARIERI: ATTIVISTA E BEAUTY EXPERT

Ciao Eva, grazie mille per averci concesso un po’ del tuo tempo. Puoi raccontarci qualcosa di te e del tuo bellissimo e affascinante percorso di vita?

Sono nata in un’ umile famiglia di Palermo, nel 1980. Ho intuito fin da subito una certa confusione di genere che ho ignorato, un po’ per ignoranza, data anche dal periodo storico, e un po’ per immaturità. Il rapporto con la mia famiglia è molto conflittuale, sia con mio padre che con mia madre. Ho subito le loro vessazioni e parte del contesto sociale in cui vivevo, la Sicilia degli anni 90. Purtroppo è indelebile il ricordo della vergogna e del dolore provati. Decisi di andare via di casa, sebbene fossi troppo giovane per farcela da sola, ma fu l’unica via di scampo.
Iniziai o peregrinare di città in città, dormendo anche per strada, dandomi a uomini troppo grandi e desiderosi di possedere la mia giovinezza. Disperata chiesi aiuto a mia madre, la quale, per farsi perdonare, mi aiutò a entrare all’Accademia della Moda di Roma.

Come andò quell’esperienza?

Beh mi impegnai moltissimo e divenni consulente d’immagine! Ebbi modo di assecondare le mie passioni: la moda, la bellezza, l’immagine, ma proprio questo divenne il mio nuovo problema. La mia immagine, che purtroppo non mi rispecchiava affatto.

E cosa accadde?

Dovetti abbandonare il mio sogno di entrare nel mondo della moda e dello spettacolo per poter risolvere una crisi interiore che non potevo più ignorare.
Ricominciò il mio peregrinare: prima Firenze, poi Bologna, dove avvenne il miracolo: trovai finalmente la chance che mi consentì di uccidere me stesso per dare alla luce Eva.

Come fu l’inizio della transizione? La tua famiglia decise di sostenerti?

Non fu per nulla facile: tanta solitudine, tanti soprusi, tanto dolore. La mia famiglia fu del tutto assente e, se provava a farsi viva, lo faceva solo per inveire contro di me e contro la mia condizione di transgender. Per questa ragione presi la decisione di vivere senza di loro.
Dovetti fare tutto da sola e arrivò il periodo della prostituzione, delle lotte politiche e dell’associazionismo. Riuscii comunque a partorire una Eva che era l’esaltazione di me stessa e non davvero all’epoca non avrei potuto prevedere che dalla strada sarei riuscita ad arrivare al lusso, a uomini ricchi e famosi, ad amanti pericolosi con il relativo rischio di esplodere sulle cronache nazionali.

Deve essere stato un percorso davvero duro ma anche emozionante. Spostandoci nel campo delle sue attività, potrebbe raccontarci qualcosa del suo lavoro?

Si! Da sempre io mi occupo di moda, di immagine e di stile. Ho lavorato come consulente d’immagine e come testimonial, sia per importanti chirurghi estetici di rilevanza nazionale che per numerosi brand di moda. Mi occupo inoltre di pubbliche relazioni e di organizzazione di eventi e di sfilate. Di recente ho partecipato all’inaugurazione dello showroom di un bravissimo stilista, Luca Rondoni, che lavora a Terni e che in occasione dell’opening ha realizzato un magnifico abito per me.

L’immagine costituisce un elemento chiave nel suo percorso esistenziale. Quali sono le persone che l’hanno ispirata nel corso della sua vita, le sue icone di stile?

Sul piano umano, e non solo per la sua immagine, non posso non citare la mia amica Eva Robin’s. Sicuramente ho tratto moltissima ispirazione dal percorso di vita e dalla carriera di Coco Chanel, e adoro il lavoro di Yves Saint Laurent e di Gianni Versace.

Cosa l’ha colpita positivamente o negativamente nell’ambito degli ultimi trend nel campo della moda?

Non ho per nulla apprezzato le ultime evoluzioni artistiche di Moschino e di Balenciaga, e devo dire che Gucci a mio parere sta proprio esagerando! Mi piace invece moltissimo il lavoro che sta facendo Stefano Mencarelli per La Perla, lo trovo di classe e molto in linea con il mio gusto. Vi segnalo anche un meraviglioso designer siciliano, Giovanni Cannistrà, che utilizza colori e stampe per raccontare in modo sognante la sua terra. Davvero bravo!

Eva tu sei una donna bellissima … quali sono i tuoi segreti per mantenerti così in forma?

Ti ringrazio! Beh cerco di mangiare in modo sano, evitando carni rosse, carboidrati e cibi salati, prediligendo i centrifugati di verdure. Non sono una persona sportiva, quindi ricorro il più possibile all’alimentazione per mantenermi in forma … e poi periodicamente faccio qualche piccolo intervento estetico!

Per concludere, qual è il cosmetico al quale non potresti mai rinunciare?

Il mascara, senza dubbio!

Grazie Eva per la tua disponibilità!

Grazie a voi!

Related posts

Lascia un tuo commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: