Search

Fausto Puglisi, dall’america con furore

Eclettico e laconico, esplosivo ed evasivo. Fausto Puglisi, una delle firme top della scena della moda italiana, non è solo estetica artistica. E’ carattere, espressione, è il racconto di un’interiorità attraverso i suoi capi, raffinate creazioni del fashion del Bel Paese.

Nato nella Sicilia che guarda il continente, a Messina, 41 anni fa, se n’è andato dall’Italia ancora giovane, appena maggiorenne. Meta: la Grande Mela e la Città degli angeli, per inseguire il sogno americano. Negli States è arrivato per ultimo, nella posizione di chi insegue chi gli è davanti. Ed erano in tanti. Puglisi, come tanti della sua età, arrivava senza soldi e senza nomi. Ma la forza della volontà e della creatività ha spinto lo stilista in avanti, fino alla svolta, grazie all’incontro con le tante personalità che popolano lo Star System statunitense. E quando il successo è arrivato, Fausto Puglisi è tornato in Italia.

Tornato a casa è ripartito da un piccolo laboratorio, cominciando a produrre i propri capi “con delle mitiche sarte che cucivano i miei sogni sul tessuto giorno e notte – ha raccontato in un’intervista a D del luglio 2013 – Ho anche provato a partecipare a un famoso concorso di moda, ma non sono stato scelto. A volte il destino è davvero beffardo: sembrava che nel mio Paese tutti mi chiudessero la porta in faccia”.

Ma il successo era dietro l’angolo e non avrebbe tardato ad arrivare. Prima l’incontro con Dolce e Gabbana, che hanno scelto alcuni dei suoi capi nelle collezioni dei giovani stilisti, poi con l’ingresso nella sua vita di Anna Dello Russo che, indossando i suoi capi, li ha mostrati al mondo intero. Da lì in poi diverse star hanno fatto lo stesso. Con due apici straordinari: Belen Rodriguez a Sanremo e la Ciccone, in arte Madonna, al Super Bowl. In cima al firmamento insomma.

E una volta salito nelle sfere più alte, Puglisi ci è rimasto. La sua base rimane sempre la città della Madonnina, la capitale della moda italiana: Milano, dove ogni anno lo stilista mostra le sue creazioni nelle sfilate più importanti del panorama.

Proprio l’ultima collezione, quella primavera-estate 2017 è stata raccontata da Vogue come “un tributo alla sua Sicilia e a quello stile tipico delle donne dell’isola, Fausto Puglisi ambienta la sua collezione in una chiesa dove le modelle indossano tailleur floreali con maxi catene in oro, lunghi abiti interrotti da spacchi profondi, t-shirt che ricordano ex-voto, bomber con croci ricamate, bra in pelle tempestati di borchie e mini slip dress colorati”.

Proprio a Milano lo stilista ha da poco presentato le collezioni per il nuovo anno. Toni e colori diversi, per sue stagioni diversi. Più importanti e robusti quelli della collezione autunnale e invernale, più eclettici e leggeri quelli per la primavera estate 2018. Ma sempre accomunati dall’estro artistico e a tratti autobiografico per cui Puglisi rimane uno dei top della moda italiana.

 

B.M.

Foto credit Vogue Italia

Related posts

Lascia un tuo commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: